Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Un salmo di comunione


di aa.vv.
Trascritto da eVangelo

"Io prenderò il calice della salvezza e invocherò il nome dell'Eterno" (Salmo 116:13)

"Poi, preso un calice e rese grazie, lo diede loro, dicendo: Bevetene tutti, perché questo è il mio sangue, il sangue del patto, il quale è sparso per molti per la remissione dei peccati" (Matteo 26:27, 28)

Ogni credente dovrebbe partecipare regolarmente alla Cena del Signore. È un sacramento. Ai tempi dell'impero romano i giovani venivano portati all'altare, dovendo giurare di servire il loro paese fino alla morte. Quando sin dalla prima volta ci accostiamo alla mensa del Signore è come se confermassimo fatto di fedeltà nei riguardi del nostro Re già stabilito al battesimo pubblico. È una dichiarazione, o meglio un'ulteriore confessione della nostra fede. Testimoniamo che in Cristo risiede il nostro perdono, la nostra salvezza e la nostra fedeltà a Lui è assoluta. Testimoniamo altresì il desiderio di mettere la Sua croce e la Sua tomba tra noi e il mondo. È quindi anche un vincolo di unione indissolubile.

È il pegno del Patto. La morte della croce era il segno di Dio e il sigillo del nuovo patto, i cui favori vengono citati nell'Epistola agli Ebrei capitolo 8. Quando beviamo il vino è come se dicessimo: "Ricordati del tuo Patto". Mi sia concesso di rivolgermi a tutti, specialmente ai giovani credenti: avviciniamoci e prendiamo il pane e il vino meditando profondamente e con riverenza sul dono supremo di Cristo e sulle implicazioni di questo atto: "Che renderò io all'Eterno? Io prenderò il calice della salvezza... Io compirò i miei voti" (Salmo 116:13, 14).

L'espressione contenuta in questo salmo è straordinaria: "Io prenderò il calice della salvezza". Quando ci domandiamo quale salvezza, leggiamo: "Tu hai sciolto i miei legami" (v 16), e ci ricordiamo di Apocalisse 1:5, "A lui che ci ama, e ci ha liberati dai nostri peccati col suo sangue".

Notate come il Salmista confessi trionfalmente la propria lealtà al Maestro Celeste. Ancora una volta egli dichiara: "Sì, o Eterno, io son tuo servitore, son tuo servitore ...". E noi siamo servi di Gesù. Se ci venisse chiesto quali sono questi "sacrifici di lode", possiamo rispondere: prima di ogni altro il sacrificio di noi stessi (cfr. Rom. 12:1). Soltanto in seconda battuta il sacrificio della nostra lode e le nostre offerte (cfr. Ebrei 13:15, 16). Veniamo all'altare di Dio non di malavoglia o pensierosi, ma mossi da un grande desiderio poiché dobbiamo tutto a Lui. Non cessiamo, neppure per un istante, di vivere e di servire, di lodare e di donare.


Data: 13/05/2007
Visite: 2414
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (41).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
8768 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (2).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
13305 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (176).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
6125 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (21).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
5969 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2021 eVangelo. Tutti i diritti riservati